23:59
Comentarii Adauga Comentariu

S-au prins şi italienii cine e în spatele protestelor din România. Site-ul de Bloguri asociat ziarului Il Giornale scrie despre UMBRA LUI SOROS ÎN ROMÂNIA.



Migliaia di cittadini in piazza, una protesta che nasce contro un provvedimento di governo il quale, una volta ritirato, non riesce a placare gli animi e dalle principali città del paese i cori iniziano a chiederne anzi le dimissioni: un copione, questo, visto più volte negli ultimi anni e specialmente dal 2000 in poi presso i paesi orientali dell’Europa e che adesso va in scena in Romania. La protesta rumena, da un lato, era prevedibile perché la popolazione vive con una certa insofferenza la convivenza con l’attuale classe politica (l’affluenza sotto il 40% alle ultime recenti politiche è il dato che più dimostra una tale circostanza), ma dall’altro lato è sorprendente vedere che i contorni delle manifestazioni assomigliano sempre più alle ‘primavere’ vissute in Ucraina, Serbia, Georgia ed in altri contesti ex sovietici o dell’Europa dell’est: a Bucarest non esistono grandi forze anti NATO od anti UE al governo, né all’opposizione, eppure qualcosa, nel dilagare delle proteste, non torna.

Il ruolo del presidente Iohannis

La Romania è un pezzo di Europa latina trapiantato nel cuore dei Carpazi e, dopo la caduta d Ceausescu nel 1989, oltre alla lingua neo – latina il paese con la parte occidentale del paese condivide anche una struttura politica molto simile: esistono infatti due grandi blocchi partitici, non proprio un vero bipolarismo ma due coalizioni che si contendono il potere, da un lato i socialdemocratici eredi del Partito Comunista, dall’altro i liberali. Entrambi gli schieramenti però, sono sempre stati a favore di una maggiore integrazione tanto nell’UE e quanto nella NATO; la vittoria del liberale Basescu contro il socialdemocratica Nastase nel 2004, elezioni svolte in concomitanza con i primi moti di piazza di Kiev a favore di Yushenko con i media che allora non hanno mai mancato di fare parallelismo tra i due casi, ha forse accelerato l’adesione di Bucarest a Bruxelles (avvenuta nel 2007) ma di fatto entrambi i grandi partiti rumeni sono molto vicini all’occidente.

Entrambi, in particolare, dopo la caduta di Ceausescu hanno provveduto ad avviare e perfezionare privatizzazioni e liberalizzazioni, svendendo di fatto gran parte delle aziende di Stato; negli ultimi anni poi, il problema della disoccupazione, di un’economia perennemente in affanno e dell’endemica corruzione, hanno accentuato una certa insofferenza della popolazione verso la classe politica e nelle presidenziali del 2014, Klaus Iohannis (liberale della minoranza tedesca e protestante del paese) è riuscito a vincere le elezioni proprio grazie alla sua propaganda anti corruzione. Il sistema rumeno è un mix tra un parlamentarismo italiano ed un semi – presidenzialismo francese: il presidente, in particolare, pur avendo formalmente un ruolo cerimoniale viene eletto dal popolo e può intervenire direttamente negli affari esteri ed in quelli della sicurezza nazionale, con il potere anche di andare in disaccordo con il governo. Da qui, la prima incongruenza riscontrabile con le manifestazioni odierne: il presidente Iohannis, da attore super partes, si è trasformato in uno dei capi della rivolta, chiedendo esplicitamente in parlamento le dimissioni del governo.

Un ruolo, quello di Iohannis, che stride con la sua carica ma anche con la teorica linea dei manifestanti: in piazza si grida contro la corruzione della classe politica e Iohannis, appartenendo ad uno dei due grandi partiti rumeni, non si può certo definire come un esponente dell’anti – politica, eppure è riuscito a ritagliarsi un ruolo di paladino anti corruzione in grado di orientare tanto i cori della piazza, quanto i lavori parlamentari. Iohannis non è nuovo a questa iniziative: quando nell’ottobre del 2015 un incendio in una discoteca della capitale ha ucciso 27 studenti, il presidente ha cavalcato l’onda della protesta di quei giorni riuscendo ad ottenere la testa dell’allora premier, Victor Ponta, il quale era anche leader dei rivali socialdemocratici. Il primo cittadino rumeno quindi, si sta dimostrando molto abile nel cavalcare le proteste di piazza, ma in tanti a Bucarest iniziano ad ipotizzare un proprio ruolo anche nel fomentare i movimenti anti governativi.

Il ruolo di Sandra Pralong

Oggi come durante le proteste del 2017, al governo vi è un esecutivo socialdemocratico; dopo le dimissioni di Ponta infatti, Iohannis ha dato incarico a Dacian Ciolos di formare un esecutivo tecnico il cui mandato è scaduto nel gennaio 2017: le nuove elezioni hanno confermato una maggioranza socialdemocratica e, dopo il fallimento della candidatura al ruolo di primo ministro di Sevil Shhaideh, donna appartenente alla minoranza tatara – musulmana, il nuovo governo è guidato da Sorin Grindeanu.

E’ stato questo esecutivo ad approvare la norma che prevedeva amnistia per i reati di corruzione, una legge concepita ufficialmente per ridurre il sovraffollamento nelle carceri rumene e che l’esecutivo di Bucarest afferma di averla attuata dopo i consigli provenienti da Bruxelles.

Da qui, per l’appunto, le proteste di piazza cavalcate dal presidente liberale in cui, tra le altre cose, non sono mancati riferimenti proprio all’UE con simboli e bandiere delle istituzioni comunitarie, proprio come nelle precedenti manifestazioni di piazza negli altri paesi dell’est.

Secondo la piazza o, meglio ancora, secondo i media che seguono la piazza, i manifestanti non solo chiedono una lotta senza quartiere contro la corruzione, ma invocano l’Europa e vogliono standard più vicini a quelli dei paesi occidentali; ecco quindi un altro elemento che non torna: un presidente che abdica al proprio ruolo d’imparzialità ed una piazza di un paese dell’UE che manifesta contro il governo alzando i vessilli comunitari.

Scene, come detto, viste altrove: è possibile quindi ipotizzare l’interesse di creare una nuova primavera nell’est? C’è un nome, su tutti, che crea un collegamento tra il presidente Iohannis (ed il suo comportamento) con le stesse ONG protagoniste a Belgrado e Kiev: è quello di Sandra Pralong.

In esilio a New York durante il regime comunista, una volta tornata in patria è stata rappresentante della Open Society Foundation di George Soros, è stata poi referente di altre ONG ricollegabili al magnate americano e nel suo curriculum spuntano anche collaborazioni con l’OCSE ed un ruolo di alto funzionario internazionale all’interno dei programmi di sviluppo dell’ONU negli anni 2000.

Un percorso professionale tipico di chi opera per le ONG ‘Open’ e per quelle organizzazioni fautrici (a suon di propaganda e finanziamenti) di molte rivolte di piazza: oggi Sandra Pralong è tra le più strette collaboratrici del presidente Iohannis.

Potrebbe quindi esserci lei dietro le proteste di questi giorni e dietro l’atteggiamento pro manifestanti del capo dello Stato; lo ‘zampino’ di Soros quindi, è possibile riscontrarlo anche a Bucarest ed anche in questo caso si sfrutta l’insofferenza della popolazione per un sistema che nessuno dei partiti al potere è riuscito a scardinare.

Gli interessi legati alla Romania

Importante nello scenario orientale, la Romania è anche un paese che vive mille contraddizioni: enormi potenzialità ed endemica corruzione, diversi progetti di sviluppo ma una disoccupazione che non accenna a diminuire, una società quindi già provata economicamente a cui si aggiungono gli equilibri non sempre solidi tra le varie minoranze etniche di cui è composta la nazione. Pur tuttavia, Bucarest non ha mai manifestato intenzione di andare controcorrente nel suo processo di integrazione europea, nemmeno con il governo tanto osteggiato dei Socialdemocratici;

il perché di un eventuale interesse di attuare una nuova ‘primavera’ rumena, è forse da ricercare nel tentativo di canalizzare il malcontento di un paese che mostra insofferenza e disaffezione al suo sistema democratico oppure, in alternativa, il programma che prevede innalzamento dei salari minimi ed altri interventi sul welfare dell’attuale esecutivo ha spaventato e non poco chi teme un rientro dello Stato nell’economia. Di certo, le manifestazioni a Bucarest lasciano più di un dubbio circa la loro spontaneità.


(Fluierul)


Linkul direct catre Petitie

CEREM NATIONALIZAREA TUTUROR RESURSELOR NATURALE ALE ROMANIEI ! - Initiativa Legislativa care are nevoie de 500.000 de semnaturi - Semneaza si tu !

Comentarii:


Adauga Comentariu



Citiți și cele mai căutate articole de pe Fluierul:

IZOLAȚI ÎN ROMÂNIA? Ei sau noi? Maria Zăican - Bătrâna din pădure - VIDEO

Elicopterul construit de chinezi care arată ca un OZN - FOTO

Oficiali democrați: Donald Trump a insultat-o pe Nancy Pelosi în timpul unei ședințe

''Ducem gunoiul la Garda de Mediu'', acțiune organizată joi de comunitatea Declic

Reuniune despre Siria: Trump a calificat-o pe Nancy Pelosi că "politician de joasă speță" (democrați)

Turcia: Alte sancțiuni americane vor fi aplicate dacă nu se decretează armistițiu în Siria (Mnuchin)

O carte pe zi: "Panorama comunismului în Moldova sovietică", editor Liliana Corobca. Ce nu știai despre Moldova sovietică

Cel puțin trei morți, în urma cutremurului cu magnitudinea de 6,4 din Filipine - FOTO, VIDEO

Donald Trump amenință cu sancțiuni "devastatoare" dacă discuțiile cu Turcia nu vor da rezultate

EFEMERIDE ASTRONOMICE - 17 octombrie

SĂRBĂTORI RELIGIOASE - 17 octombrie

Spania: Șeful guvernului regional catalan cere încetarea "imediată" a violențelor

Cutremur cu magnitudinea 3,2 pe scara Richter în județul Buzău, joi dimineața

Un pădurar a fost ucis de hoții de lemne în județul Maramureș

Maramureș: Pădurar găsit mort în pădure, împușcat cel mai probabil de hoții de lemne

ULTIMA ORĂ Locomotiva trenului internațional de Viena a luat foc. Călătorii au fost evacuați

Noapte cu violențe EXTREME în centrul Barcelonei. Separatiștii au incendiat mașini și au aruncat cu ACID în polițiști

Conferință de presă organizată de FTSE Russell și Bursa de Valori București

Fifor: Iohannis vrea să vă prostească. Winter is coming!

Premierul ceh Andrej Babis a anunțat construcția de noi centrale atomice chiar dacă va trebui să încalce legile UE

Tenis: Julia Goerges, adversara Soranei Cîrstea în optimi la Luxemburg (WTA)

CITATUL ZILEI

IGPR: Acțiune a Poliției Române pentru prevenirea accidentelor în zona căilor ferate

Human Rights Watch: Administrația Bolsonaro încalcă drepturile fundamentale ale omului

FlightClaim prezintă, joi, cele mai noi statistici privind zborurile întârziate sau anulate pe aeroporturile din România

Pedro Sanchez: Guvernul catalan trebuie să condamne violențele de la Barcelona

Alegeri legislative în Canada: Obama îi îndeamnă pe canadieni să voteze cu Trudeau

Abuz sexual pe internet, pe un site găzduit pe Dark Web. Sute de persoane din 38 de țări, arestate

Artista rap Nicki Minaj a confirmat colaborarea cu Adele pentru o nouă piesă: "Este o melodie epică"

Regina-mamă Elena pentru principesa Margareta: "Ne-a ajutat să înțelegem frumusețea lumii"

Fostul președinte al Consiliului European, Herman Van Rompuy, evaluează joi la București cum va arăta Europa viitorului

Unde i se pot aduce ultimele omagii actriței Tamara Buciuceanu Botez

Femeie beată la volan. Trei copii răniți, după ce mașina pe care o conducea s-a răsturnat

Japonia: Un minstru a vizitat sanctuarul Yasukuni

METEO #azi 17 octombrie 2019: Vreme frumoasă și caldă, ceață densă dimineața / Regiunile cu cele mai scăzute temperaturi

Incendiu la un magazin de textile din municipiul Timișoara

Iohannis, atacat de PSD pe tema Constituției: Să citească legea fundamentală, o recomandăm pe cea cu atribuțiile

Diplomați americani, reținuți în Rusia, în apropiere de Severodvinsk, locul unde s-a produs accidentul atomic din poligonul militar

BBC News: De ce importă România GUNOAIE DIN STRĂINĂTATE?

Exporturile germane de arme către Turcia în primele opt luni ale anului, un record după 2005

Doi bunici care au plecat cu nepotul de cinci ani s-au rătăcit lângă Predeal. Ce le-au recomandat jandarmii

Liderii PPE se reunesc joi, la Bruxelles, înaintea Consiliului European de toamnă

Tenis: Wawrinka, în sferturile de finală la turneul de la Antwerp (ATP)

Peste 1.500 de polițiști acționează în zona trecerilor la nivel cu cale ferată - VIDEO

HOROSCOP 17 octombrie 2019: Zodiile care vor avea parte azi de fler pe plan social și spirit de inițiativă

Avionul Egyptair prăbuşit: Analiza uneia din cutiile negre arată că s-a pronunţat cuvântul "foc"

Kovesi a cerut, când era șef DNA, ca interceptările unui fost șef de parchet să fie transmise SRI, în calitate de "beneficiar secundar". Ce s-a întâmplat cu dosarul

Un cutremur de 3,2 grade în zona seismică Vrancea

Locomotiva trenului de persoane Cluj-Napoca - Viena a fost cuprinsă de flăcări

Raport IJ: Magistrați interceptați în paralel, în baza a două mandate, pentru aceleași fapte

Actrița Helen Hunt, transportată la spital după un accident de mașină

Dantes Nicolae Bratu revine de vineri la conducerea Inspecției Muncii

O româncă face furori în industria porno

Iohannis a retrimis Parlamentului Legea pentru descurajarea prestării orelor suplimentare peste limita legală. Președintele cere clarificări

MANIPULAREA PRIN SEX. IMAGINI EXPLICITE! Mădălina GHENEA, GOALĂ PUȘCĂ în SCENE de SEX SĂLBATIC in serialul "Familia Borgia - Adevar si Frica" | VIDEO 18+

Judo: Lucian Borș Dumitrescu, locul 5 la Mondialele de juniori

Fotbal: Fundașul Trent Alxander-Arnold a intrat în Cartea Recordurilor

UN BILDERBERG A FOST ALES ŞEF AL ONU. Antonio Guterres, membru marcant al grupului Bilderberg și al organizației "Friends of Europe" va conduce ONU. Antonio Guterres, a fost ales Secretar General al ONU

"Certificatele verzi și de poluare" soroșisto-progresiste FALIMENTEAZĂ Mineritul Românesc și au băgat adânc pe pierdere Complexul Energetic Oltenia, ultimul mare complex minier din România

Ion Cristoiu: Constituția – târfa de serviciu a lui Klaus Iohannis


Pag.1 Pag.2 Pag.3 Pag.4 Pag.5 Pag.6 Pag.7

Nr. de articole la aceasta sectiune: 400, afisate in 7 pagini.



ieri 05:07 CITATUL ZILEI